Eccoci nel foro

Una pagina aperta con la città e i suoi abitanti. Partiamo dalle domande e costruiamo insieme le risposte. Dalla rete virtuale a quella di relazioni tra Persone attraverso un percorso comune. Questo piccolo spazio si affaccia su Lucca con l’attenzione dell’osservazione e la curiosità dell’ascolto. Accoglie la Politica come servizio e come “arte”. Si apre alle voci. Qui le Parole cercano di ritrovare il loro significato. Coerente con me e con chi avrà fiducia ne “la Primavera prossima”.

Tweet di Serena

09/08/2018 @ 4:53
Danger. Cortocircuito #mobilitati #pd https://t.co/Puou3rLmlk
28/03/2018 @ 15:22
Da troppo tempo Mario Ciancarella lotta per avere giustizia: è anche un nostro problema! https://t.co/PyNhs4CAMB via @ChangeItalia
25/02/2018 @ 19:04
Il giorno di Veltroni: “Il nemico è la paura, la risposta è la politica” https://t.co/P9SpsxJGih
30/09/2017 @ 19:17
Il Piano Strutturale di Lucca interattivo consultabile on-line.
La carta della strategia è sul SIT. #luccahttps://t.co/fnnzCezyRr

    Stare nei fatti, approfondire, capire: il caso ex Gesam

    Share

    Purtroppo devo constatare che ancora una volta su tematiche nelle quali è richiesto un minimo di approfondimento, di distacco dalle frasi fatte e stereotipate, vetusti slogan per tutte le occasioni, regna invece la superficialità, il compitino da fare perché all’opposizione, si vede, deve essere così, […]

    Continua a leggere...

La Casa della Città

Ultimi articoli

  • Piano Operativo: dopo il Piano Strutturale un progetto con regole univoche, chiare e aggiornate

    Share

    Con il Piano Strutturale abbiamo dotato la città di un progetto sano per il governo del territorio. Abbiamo fatto un passo in avanti che dovrà completarsi però con il Piano Operativo. Strumento di cui la città ha estremamente bisogno. Il ciclo che si era fondato sull’uso di una risorsa finita, il territorio, e su un settore, quello dell’edilizia, […]

    Continua a leggere...
  • Concorso ex scalo merci: professionisti, avanti!

    Share

    È stato pubblicato ieri (20 luglio), sul sito del Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, il bando Periferie 2017. Dal Mibact e dal Consiglio sono state selezionate dieci aree su tutto il territorio nazionale, tra le 61 proposte avanzate da altrettanti Comuni, oggetto di progetti di riqualificazione urbana: tra queste, l’ex scalo merci ferroviario di Lucca, […]

    Continua a leggere...
  • Il Palazzo delle Professioni di Lucca

    Share

    Molti ordini professionali della città hanno individuato una propria unica sede in uno spazio della Manifattura. L’intenzione, esternata con manifestazione d’interesse, è stata accolta con entusiasmo dall’Amministrazione che tramite atto di indirizzo, sottoscritto insieme al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e avallato dal Consiglio comunale lo scorso luglio, ha dato una visione generale […]

    Continua a leggere...

“La politica è anzitutto arte. Il che significa che chi la pratica deve essere un artista. Un uomo di genio. Una persona di fantasia. Disposta sempre meno alle costrizioni della logica di partito e sempre più all’invenzione creativa che gli viene chiesta dalla irripetibilità della persona. La politica è, poi, arte nobile. Nobile perché legata al mistico rigore di alte idealità. Nobile, perché emergente di incoercibili esigenze di progresso, di pace, di libertà. Nobile, perché ha come fine il riconoscimento della dignità della persona umana, nella sua dimensione individuale e comunitaria. La politica è, infine, arte nobile e difficile. Difficile perché le sue regole non sono assolute e imperiture. Sicché, proprio per evitare i rischi dell’ideologia, vanno rimesse continuamente in discussione. Difficile, perché esige il saper vivere nella conflittualità dei partiti, contemperando il rispetto e la lotta, l’accoglimento e il rifiuto, la convergenza e la divaricazione. Difficile, perché richiede, nei credenti in modo particolare, la presa di coscienza della autonomia della politica da ogni ipoteca confessionale, e il riconoscimento della sua laicità e della sua mondanità. Difficile, perché significa affermare, pur nell’ambito della comunità cristiana, un pluralismo di opzioni.” Tonino Bello